Cos’è la TCC?

Cos’è la Psicoterapia Cognitivo Comportamentale? 

La TCC (terapia cognitivo comportamentale) si caratterizza per essere  una psicoterapia breve, pratica e  concreta, con efficacia  scientificamente dimostrata da studi clinici controllati.

Si occupa della cura di diversi disturbi psicologici, dalle più semplici condizioni di disagio alle forme più gravi e complesse di psicopatologia, in cui è presente una forma di sofferenza sintomatica più grave.

Il terapeuta lavora perseguendo lo scopo di ridurre la sofferenza del paziente nel tempo più breve possibile e cercando di prevenire eventuali ricadute attraverso l’intervento sugli aspetti di vulnerabilità.

L’approccio cognitivo comportamentale  si distingue dalle altre forme di psicoterapia per essere riconosciuto dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall’Istituto Superiore di Sanità come terapia elettiva per i disturbi d’ansia, disturbi dell’umore e disturbi alimentari.  

Caratteristiche principali della terapia cognitivo comportamentale:

  • si focalizza sul problema attuale:
    lo scopo della terapia è la risoluzione dei problemi che mantengono lo stato attuale di sofferenza del paziente, al fine di favorire un miglioramento della sua qualità di vita e del suo benessere psicologico. Vengono ovviamente approfondite le esperienze precociche possono aver contribuito alla vulnerabilità psicopatologica;
  • è fondata scientificamente:
    studi scientifici controllati hanno dimostrato l’efficacia di questo approccio nel trattamento della maggior parte dei disturbi psicologici, tra cui il disturbo di panico, la depressione maggiore, il disturbo ossessivo-compulsivo, la fobia sociale, il disturbo d’ansia generalizzato, i disturbi dell’alimentazione, le psicosi;
  • è orientata allo scopo:
    dopo la prima fase di valutazione diagnostica, terapeuta e paziente stabiliscono insieme quali sono gli obiettivi della terapia ed il piano terapeutico da adottare. Generalmente il terapeuta cognitivo-comportamentale interviene dapprima sui sintomi che, al momento, generano maggiore sofferenza al paziente, successivamente sugli altri aspetti del disturbo.
  • è basata sulla collaborazione attiva tra terapeuta e paziente:
    essi collaborano in sincronia nella comprensione del problema e nell’individuazione della soluzione più adatta al raggiungimento di uno stato di benessere psicologico. Principio fondante del lavoro terapeutico è la costruzione di una relazione di fiducia con il paziente. Come una squadra, terapeuta e paziente lavorano insieme perseguendo un obiettivo comune: il miglioramento della qualità di vita della persona.

Durante il percorso, il terapeuta cognitivo-comportamentale mira a far diventare il paziente terapeuta di se stesso, favorendo in lui una consapevolezza ed una comprensione dei meccanismi alla base del disturbo e fornendogli le tecniche volte a gestire lo stato di sofferenza. Tale modalità d’intervento permette alla persona di beneficiare degli effetti del trattamento anche dopo la conclusione della terapia.